Down IV – part II

 Secondo appuntamento con i Down di Phil Anselmo. Il precedente EP aveva lasciato l’amaro in bocca per certe soluzioni che sapevano di “allungare la minestra e continuare a far uscire musica” (a parte qualche canzone realmente figa dentro), questo secondo lavoro deve assolutamente trascinarsi fuori da una spirale di autocompiacimento in cui la band sta cadendo.
La band di New Orleans fa uscire subito un singolo dell’EP: We Knew Him Well. Il brano, pur non potendo rivaleggiare con quanto prodotto fra il 1995 ed il 2001, riesce ad essere meglio delle recenti prove in studio (stesso discorso si può dire della energica Sufferer’s Years).
Il lavoro fatto da Keenan e Landgraf (il nuovo acquisto al posto di Kirk Windstein, il quale, però, è una macchina da riff di tutt’altra caratura rispetto al pur buono Bobby Landgraf) spazia su tonalità debitrici del Sabba Nero e dei suoi discepoli (vedasi, per esempio, la traccia Conjure che, forse, è l’omaggio più calligrafico a Iommi&Co). Il tiro viene aggiustato inserendo iniezioni southern e macerando tutto nella “versione Down” dello stoner.
Phil Anselmo ha ormai perso lo smalto vocale e gioca tutto di carisma e tonalità torturate, puntando su arrochimenti della voce e scale discendenti, anche perché, per salire, non c’è fiato. Il risultato funziona di mestiere ma non si sa quanto potrà andare avanti, ed i suoi compari dovranno confrontarsi con questo impoverimento vocale del (fu) talentuoso singer.
L’EP si chiude con la lunga Bacchanalia. La canzone è mastodontica, quasi nove minuti di riff grassi, Black Sabbath e testate surriscaldate ma rimane la sensazione che qualche taglio nella versione da studio non avrebbe cambiato troppo il brano. Il finale della canzone, due minuti di parte acustica, rimanda mentalmente a Symptom Of The Universe per il cambio repentino di atmosfera (peccato non alla portata generazionale del brano…).

VOTO: 6,5/10

Line up:
Phil Anselmo – voce
Jimmy Bower – batteria
Pepper Keenan – chitarra
Bobby Landgraf – chitarra
Pat Bruders – basso

Tracklist:
Steeple
We Knew Him Well
Hogshead/Dogshead
Conjure
Sufferer’s Years
Bacchanalia

Annunci

3 pensieri su “Down IV – part II

  1. Pingback: Un nome un programma: Alabama Thunderpussy – Rise Again (1998) | The Murder Inn

  2. Pingback: Comeback of the year? Corrosion Of Conformity – No Cross No Crown (2018) | The Murder Inn

  3. Pingback: “Drawn to the taste of broke glass”: Crowbar – Broken Glass (1996) | The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...