The Hate Colony – Navigate (2014)

Dalle fredde terre norvegesi non arriva solo black metal, ma anche del metalcore di matrice americana, e prova ne è questo “Navigate“, secondo disco in studio dei The Hate Colony.
Il quintetto, originario di Trondheim, sforna 13 canzoni tendenzialmente orientate verso tutto il filone del metal moderno d’oltreoceano, strizzando l’occhio ai canoni del genere, e accostandosi a gruppi quali Lamb of God e Chimaira in particolare, ma con qualche venatura leggermente atmosferica, ottenuta grazie a un interessante apporto di tastiere in alcuni brani (“Trigger” su tutte).
I 47 minuti dell’album scorrono piacevoli e veloci e non annoiano mai l’ascoltatore: la produzione è egregia, le canzoni hanno ritmo, aggressività ma anche melodia (ad esempio in “The Letter“), e la tecnica del gruppo veramente buona; sebbene non si possa dire che gli Hate Colony siano gli unici a proporre questo genere di musica, sicuramente le qualità sopra descritte possono fare la differenza rispetto a tanti altri gruppi metalcore, anche nel nuovo continente.

Se amate il genere, ascoltatelo e difficilmente rimarrete delusi.

 [by Somberlain]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...