Successe Oggi – 30 giugno 1992


Ci sono date che ti ricordi come fossero ieri, anche se ormai sono passati oltre 23 anni! Una di queste date è il 30 giugno 1992. Non c’erano i Mondiali in America e la vita procedeva tranquilla sapendo che il thrash originario stava soffocando dietro una non meglio definita morte creativa e il grunge stava mettendo a ferro e fuoco il concetto di musica alternativa (e non).
I Metallica ormai si erano convertiti ad un genere musicale meno ostico e più friendly, seppur ancora arrangiato e suonato benissimo, e molti dei gruppi storici erano alle prese con crisi di identità o suono.
La seconda ondata del thrash metal era sulla breccia dell’onda, grazie a gruppi testardi e volonterosi come i Pantera, e in ambito estremo si stava vedendo l’esplosione, anche commerciale, dello swedish death metal.
I Black Sabbath erano alle prese con la scissione di una delle innumerevoli reunion (quella che ha partorito un disco come Dehumanizer) e il doom vedeva la nascita di un gruppo effimero, ma così influente e fondamentale, da incidere sulla musica più di molti gruppi durati molto più a lungo: i Kyuss.
La band americana, dopo un primo LP chiamato Wretch, il 30 giugno 1992 fa esplodere nelle casse degli stereo un disco fondametale per un genere che verrà chiamato Stoner. Il disco? Blues For The Red Sun.
Dalla copertina rossa e magmatica alle sonorità calde, ipnotiche, i Kyuss partoriscono un gigante della durata di 50 minuti (e briciole).
Josh Homme macina riff bassi e circolari attraverso l’amplificatore del basso e la sezione di ritmica (Bjork-Oliveri) è poderosa. Una delle migliori espressioni che si può dire è avvolgente.
Su tutto questo sale in cattedra John Garcia. Nei Kyuss riesce a fornire le sue prestazioni migliori, calibrando bene i momenti gigioni e quelli in cui deve essere più asciutti e ficcanti. Nei progetti successivi, dagli Hermano (che non mi hanno mai entusiasmato più di tanto) agli Unida/Slo Burn, il cantante non è mai riuscito a replicare questo particolare mix in maniera così efficace.
Blues For The Red Sun è il miglior disco dei Kyuss? Diciamo che è il più conosciuto dai più, quello più iconico per la presenza di pezzi orecchiabili come la conosciuta Green Machine ed è il disco che viene più citato, a cazzo di cane, da chi vuole mettersi in bocca la parola stoner. A cazzo di cane non per il disco, che è la genesi dello stoner desertico, ma perchè è l’unico disco che viene citato da chi non mastica doom psichedelico, sonorità distorte e peyote. I dischi della maturità arriveranno dopo, a mio parere più Sky Valley del successivo … And The Circus Leaves Town, ma Blues For The Red Sun getta le basi per un genere e ne iscrive, come ipnotiche tavole della legge musicale, i dettami per la realizzazione dello stoner desertico.

[Zeus]

6 pensieri su “Successe Oggi – 30 giugno 1992

  1. Pingback: Unida – Copying with the Urban Coyote (1999) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...