Scour


L’ennesimo progetto di Phil Anselmo è, forse, uno dei migliori partoriti dal singer di New Orleans. Avevamo lasciato il buon Filippone a giostrarsi fra le sculacciate mediatiche a causa dei risaputi saluti al “white wine” (ahaha) e la messa in freezer dei Down, perciò fa anche piacere vederlo alla ribalta con un prodotto che parla, prima di tutto, di musica.
Il suo precedente disco solista con la sua band di supporto, gli Illegals, non è stato un grande affare (come molti dei progetti fuffa in cui Anselmo si getta anima e cuore – cosa che gli fa acquistare credito per la tenacia con cui ci si butta), ma gli si da credito incondizionato e si ascolta anche questo Scour.
Carburato da membri di Cattle Decapitation, Animosity, Pig Destroyer e Strong Intention, Scour plana nelle casse trascinandosi dietro elementi black metal, death-grind e thrash old school. Nelle interviste, Anselmo aveva anticipato che per suonare black un disco non deve avere le vocals dei Gorgoroth e, bisogna ammetterlo, ha ragione. La voce rasenta spesso il growl (pur concedendosi alcune puntate nello scream) e nei cinque brani (che non superano i 3 minuti), la parte ritmica è precisa, pulita e senza pietà. Questa connotazione di pulizia, rimanda la band verso territori sonori black metal svedesi piuttosto che norvegesi.
Spacca il cazzo che su sei tracce (è un EP), ce ne sia addirittura una solo strumentale – per quanto ben concepito nell’EP.
Ma non voglio essere troppo scassacazzo: siamo già contenti che Phil Anselmo abbia trovato qualche sparring-partner degno di questo nome e che il risultato, cioè l’EP Scour, sia degno di essere acquistato.

[Zeus]

9 pensieri su “Scour

  1. Ciao! Sto organizzando sul mio blog, ornitorinconano.com, uno speciale per fine 2016. Metterò i miei album preferiti, alcuni articoli a tema e vorrei raccogliere i 5 album migliori dell’anno di vari blog musicali. Se hai ascoltato almeno 50 album di quest’anno e ti va di partecipare, ti chiedo: 1) di farmelo sapere sul blog, entro domenica 20 Novembre (se mi dai anche una risposta negativa mi aiuti a organizzarmi) 2) di scrivere i tuoi 5 album dell’anno, affiancati da un breve commento di massimo 140 caratteri per ogni album 3) di fornire un’introduzione al tuo blog di massimo 140 caratteri, che metterò assieme ad un link alla homepage. Grazie

    "Mi piace"

  2. Pingback: Un nome un programma: Alabama Thunderpussy – Rise Again (1998) | The Murder Inn

  3. Pingback: Spray per capelli e jeans. Pantera – Power Metal (1988) – The Murder Inn

  4. Pingback: Canne, eroina e vino bianco. Superjoint – Caught Up in the Gears of Application (2016) – The Murder Inn

  5. Pingback: Nel 1998 è uscito un disco che vi cambierà la vita… Iron Monkey – Our Problem – The Murder Inn

  6. Pingback: I bei tempi andati. Pig Destroyer – Head Cage (2018) – The Murder Inn

  7. Pingback: Philip H. Anselmo & The Illegals – Choosing Mental Illness as a Virtue (2018) – The Murder Inn

  8. Pingback: Black metal made in Louisiana. Viking Crown – Unorthodox Steps of Ritual (1999) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...