Kiss – Unplugged (1996)

Alla fine degli anni ’80 è venuta alla luce una nuova moda televisiva: l’Unplugged.
Sponsorizzata da MTV, il canale televisivo musicale più in voga dell’epoca, l’edizione Unplugged prevedeva che i musicisti si esibissero senza chitarre elettriche e l’armamentario da concerto rock. A queste non scritta legge di marketing musicale si sono piegati molti musicisti: da Bob Dylan a Bruce Springsteen, dai Nirvana a Eric Clapton e via discorrendo. Anche i Kiss, che in fatto di marketing e trend hanno un fiuto micidiale, hanno fatto la loro comparsata ricomponendo la formazione originale (Stanley-Simmons-Frehley-Criss per la prima volta insieme dopo anni ed anni di separazione). Sul palco c’erano anche Kulik e Singer, che all’epoca facevano parte dei Kiss. Praticamente un tripudio per i romantici della band e, vista l’attitudine da contabili di Stanley-Simmons, un buon volano per la reunion mondiale.
L’Unplugged è carino, sì, scivola leggero leggero e ci mettono anche impegno e perciò, per i completisti dei Kiss, può essere un modo per sentire i grandi classici in versione scarna ed acustica. Per chi vuole iniziare con la band, io consiglio di tirar fuori quelli in cui l’elettricità la fa da padrone (perché mi viene in mente Alive?), perché oltre alla fighetteria c’è anche la botta.

[Zeus]

Annunci

3 pensieri su “Kiss – Unplugged (1996)

  1. Pingback: Spray per capelli e jeans. Pantera – Power Metal (1988) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...