In Flames – Battles (2016)

Vista la situazione particolare al lavoro, il tema principale di queste settimane è quello di quanto salirà la merda nel corso delle settimane venture. Il livello potrebbe aumentare lentamente o più veloce, dipende da come procederanno una serie di trattative in cui io/noi non abbiamo nessuna voce in capitolo.
Questa consapevolezza, che comunque vada la merda salirà, ci ha portato a fare delle filosofiche riflessioni sulla nostra capacità di resistere al liquame e la nostra capacità di digerirlo. Perché non c’è niente da fare, quando la merda sale a livello di guardia tu non puoi far altro che tre cose:
1) tapparti il naso e cercare di rimanere sopra il livello;
2) aprire la bocca e sorseggiare come un sommellier quello che ti propongono;
3) affondare in maniera plateale – ovviamente prima bisogna dire qualcosa di epico (un oggi è un buon giorno per morire funziona molto bene in queste situazioni).

Se la terza opzione è drastica e, se anche soffusa di un’aura di eroismo dato dall’epica frase gettata nell’aria prima di essere risucchiato dagli stronzi, le uniche due alternative realmente valide sono la prima e la seconda.
Se della prima servono poche spiegazioni, della seconda è necessario un punto di vista più approfondito.
Cosa che, ahinoi, abbiamo fatto anche durante un momento di stasi lavorativa.
Ma la merda ci potrà piacere?
Razionalmente abbiamo detto di no. Ma poi qualcuno ha detto: ma se la si mescola con un frutto esotico o con un sapore forte? Tutti hanno annuito, ma io ho alzato la mano e ho detto che, a mio parere, anche con il frutto esotico, il retrogusto di liquame non passa. Allora un collega ha provato l’alternativa più spietata e ha detto: piattone di merda e cipolla rossa. Sappiamo tutti che la cipolla sta bene su tutto, ma in questo caso andrebbe ad accentuare le potenzialità del piattone di merda che ci troveremmo a mangiare. Perciò, con voto quasi unanime, la possibilità di mangiarci un piattone di merda e cipolla è stata scartata.
Io ho escluso subito, e Skan (che avete letto su queste pagine di TheMurderInn) mi perdoni, di aggiungere pepe alla merda. Skan insegna che il pepe, aggiunto alla vodka o altra bevanda superalcolica, toglie il gusto del superalcolico. Aggiungere pepe alla merda, però, non mi sembra un’ottima idea. Soprattutto perché non c’è un superalcolico da uccidere con i magici grani neri.
Dopo un buon quarto d’ora di discussione accanita su come rendere più accettabile il sorseggiarsi liquame e mangiarsi stronzi, siamo giunti alla più ineluttabile verità coprofaga: se mangi merda, non c’è modo di sfuggirci. Può piacerti, puoi eccitarti, puoi trovarla immonda e vomitevole… ma è sempre e comunque merda.
Anche se ci metti il fiocchetto rosso e la metti in un bel pacco colorato con le renne e i pacchetti di Natale.

Non so se si può adattare, ma direi che è la miglior recensione possibile per questo nuovo disco degli In Flames – Battles. Potete mettervi a fare il track-by-track, cercare i riflessi americani, dei Bring Me The Horizon o continuare a sentirvi supercool quando rinominate gli In Flames gli In Friden

Ma questo disco è, e rimane, sempre e comunque merda. 

[Zeus]

Annunci

Metallica – Operazione Youtube

Chi se lo sarebbe mai aspettato?
Ditemelo voi che leggete o scorrete questo blog (per di più ripreso da Facebook) quando avete un secondo di tempo libero.
I Metallica escono con un nuovo disco, Hardwired… To Self Distruct (in uscita domani, 18.11.2016) otto anni dopo Death Magnetic. In mezzo ci hanno messo di tutto, pause, film, registrazioni ad minchiam, partiture perse negli iPhone e via dicendo.
Ma questa, in fin dei conti, non è neanche la notizia principale.
I Metallica prendono un doppio disco (ebbene sì, non si sono ancora rassegnati dopo il mezzo fallimento di Load / ReLoad) e fanno una traccia video, dicasi videoclip, per ciascuna delle canzoni dell’album.
Siamo nel XXI secolo e i Metallica sono il primo gruppo a fare un’operazione così imponente (anche grazie al PIL di Hetfield-Ulrich&Co.) che mette i propri piedi digitali nella nuova epoca.
Possiamo anche discutere sul valore delle singole canzoni.
Possiamo discutere su quello che stanno facendo i Metallica da anni a questa parte.
Possiamo questionare la loro fedeltà alla causa, il loro valore attuale, il paraculismo e le scelte sbagliate in termini musicali (non di marketing, in questo campo sono dei campioni nazionali).
Non possiamo certo dire che sono out of time. Che non sanno tastare il polso dell’ascoltatore moderno, tutto orientato su ascolti brevi di Spotify, di mp3, di sneaky-preview e, diciamocelo, dei video che escono su YouTube.
Quanti di noi non hanno passato serate/pomeriggi/mattine etc etc a scandagliare le profondità di quel canale? Quanti non hanno preso spunto da una canzone e poi sono passati alla successiva perché “consigliata” e poi sono passati oltre fino a perdere il conto delle ore passate davanti al PC?
Questo è l’effetto droga di YouTube. Continua a solleticarti il naso con consigli sempre più giusti, sempre più interessanti e vicini al tuo orientamento (musicale/video/cartoon etc) che non riesci a toglierti dalle sue spire digitali.

Come potete notare non parlo neanche delle canzoni dei Metallica. Non ho ascoltato molto, solo due o tre video fino in fondo (title track, Moth Into Flames e Atlas, Rise!) e non voglio fare recensioni ad minchiam sull’ascolto distratto di tre canzoni.

Perciò, al momento, vi metto il link dove potete trovare tutti i video dei Metallica del nuovo disco.
Fateci sapere cosa ne pensate.
Anche voi che leggete Facebook!

METALLICA

Le Iene contro i siti di bagarinaggio

Sappiamo che l’avete già letto in giro.
Sappiamo che avete già una vostra idea.
Ma non potevamo stare zitti. Non potevamo proprio.

Di seguito vi linkiamo le due puntate delle Iene sul fenomeno del bagarinaggio e del secondary ticket.
Non commentiamo oltre e lasciamo parlare le immagini.

Vogliamo solo dire una cosa:
TheMurderInn invita tutti i nostri lettori e, in generale, tutti i fan della musica ad acquistare i biglietti solo attraverso le rivendite autorizzate, non utilizzare le piattaforme di secondary ticket e boicottare ogni forma di bagarinaggio.

Per vedere le puntate delle Iene, cliccare sui link qua sotto:

PUNTATA 1 (09.11.2016)

PUNTATA 2 (16.11.2016)

La Redazione