In Flames – Battles (2016)

Vista la situazione particolare al lavoro, il tema principale di queste settimane è quello di quanto salirà la merda nel corso delle settimane venture. Il livello potrebbe aumentare lentamente o più veloce, dipende da come procederanno una serie di trattative in cui io/noi non abbiamo nessuna voce in capitolo.
Questa consapevolezza, che comunque vada la merda salirà, ci ha portato a fare delle filosofiche riflessioni sulla nostra capacità di resistere al liquame e la nostra capacità di digerirlo. Perché non c’è niente da fare, quando la merda sale a livello di guardia tu non puoi far altro che tre cose:
1) tapparti il naso e cercare di rimanere sopra il livello;
2) aprire la bocca e sorseggiare come un sommellier quello che ti propongono;
3) affondare in maniera plateale – ovviamente prima bisogna dire qualcosa di epico (un oggi è un buon giorno per morire funziona molto bene in queste situazioni).

Se la terza opzione è drastica e, se anche soffusa di un’aura di eroismo dato dall’epica frase gettata nell’aria prima di essere risucchiato dagli stronzi, le uniche due alternative realmente valide sono la prima e la seconda.
Se della prima servono poche spiegazioni, della seconda è necessario un punto di vista più approfondito.
Cosa che, ahinoi, abbiamo fatto anche durante un momento di stasi lavorativa.
Ma la merda ci potrà piacere?
Razionalmente abbiamo detto di no. Ma poi qualcuno ha detto: ma se la si mescola con un frutto esotico o con un sapore forte? Tutti hanno annuito, ma io ho alzato la mano e ho detto che, a mio parere, anche con il frutto esotico, il retrogusto di liquame non passa. Allora un collega ha provato l’alternativa più spietata e ha detto: piattone di merda e cipolla rossa. Sappiamo tutti che la cipolla sta bene su tutto, ma in questo caso andrebbe ad accentuare le potenzialità del piattone di merda che ci troveremmo a mangiare. Perciò, con voto quasi unanime, la possibilità di mangiarci un piattone di merda e cipolla è stata scartata.
Io ho escluso subito, e Skan (che avete letto su queste pagine di TheMurderInn) mi perdoni, di aggiungere pepe alla merda. Skan insegna che il pepe, aggiunto alla vodka o altra bevanda superalcolica, toglie il gusto del superalcolico. Aggiungere pepe alla merda, però, non mi sembra un’ottima idea. Soprattutto perché non c’è un superalcolico da uccidere con i magici grani neri.
Dopo un buon quarto d’ora di discussione accanita su come rendere più accettabile il sorseggiarsi liquame e mangiarsi stronzi, siamo giunti alla più ineluttabile verità coprofaga: se mangi merda, non c’è modo di sfuggirci. Può piacerti, puoi eccitarti, puoi trovarla immonda e vomitevole… ma è sempre e comunque merda.
Anche se ci metti il fiocchetto rosso e la metti in un bel pacco colorato con le renne e i pacchetti di Natale.

Non so se si può adattare, ma direi che è la miglior recensione possibile per questo nuovo disco degli In Flames – Battles. Potete mettervi a fare il track-by-track, cercare i riflessi americani, dei Bring Me The Horizon o continuare a sentirvi supercool quando rinominate gli In Flames gli In Friden

Ma questo disco è, e rimane, sempre e comunque merda. 

[Zeus]

Annunci

10 pensieri su “In Flames – Battles (2016)

  1. Pingback: Official Live: 101 Proof | The Murder Inn

  2. Pingback: Invecchiare bene: In Flames – Whoracle | The Murder Inn

  3. Pingback: In Flames – Down, Wicked & No Good (2017) | The Murder Inn

  4. Pingback: From Sweden to… – In Flames (2009 – 2017) – The Murder Inn

  5. Pingback: Il nuovo dei Behemoth – I Loved You at Your Darkest (2018) – The Murder Inn

  6. Pingback: Il ritorno degli In Flames: I’m, The Mask (2019) – The Murder Inn

  7. Pingback: Un album anonimo. In Flames – Colony (1999) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...