Vent’anni dopo: Rammstein – Sehnsucht (1997)

sehnsucht
Da web

Sono legato in maniera particolare a Sehnsucht dei Rammstein.
Ero alle superiori e, me derelitto, mi toccava sopravvivere in una classe in cui la musica pesante non esisteva e l’unica concessione alla musica “dura” era quella riservata al grunge (e, vi dirò, nel 1997 i gruppi grunge erano alla canna del gas o direttamente sottoterra).

La musica in voga era quella commerciale della radio – vedete voi che vita demmerda.
Ad un certo punto incominciò a girare per la classe una cassettina (ebbene sì, una cassettina laida) con dentro questo gruppo che cantava in tedesco di cose che, visto che siamo capre pur vivendoci in mezzo ai tedeschi, non capivamo neanche di striscio.
L’andamento marziale, la tonalità di Till Lindemann (quella R grattuggiata e quel modo di cantare che era una via di mezzo fra il classico canto e il parlato) e quell’unione fra metal classico e l’attitudine danzereccia da club berlinese (che verrà definito Tanz Metal, etichetta disgustosa) hanno fatto presa in pochissimo tempo.
L’incapacità di capire le parole hanno portato, i più ignoranti di noi, a formulare la frase: questi sono nazisti!

L’equazione tedesco = nazisti è seconda solo a nazisti dell’Illinois = odio.

Questo misunderstanding ha intaccato la stessa sicurezza dei Rammstein che, in Mutter, hanno dovuto rafforzare un concetto importante, esprimendolo a chiare lettere: e cioè che il loro cuore è a sinistra (Links 2,3,4).
Ma, nel 1997, Mutter doveva ancora uscire e l’ignoranza viaggiava a gonfie vele nei cuori degli stolti e perciò l’equazione Rammstein = nazisti era ancora un grande cavallo di battaglia.

Un particolare che all’inizio non capivamo e che sono riuscito ad apprezzare solo col passare del tempo è la bravura di Lindemann nell’uso delle parole. I temi di Sehnsucht sono scabrosi, toccanti e inquietanti e non hanno da vergognarsi in confronto a quanto sputato fuori da trequarti dei gruppi death del globo, ma le liriche sono studiate in maniera eccellente mescolando ironia, alta letteratura, giochi di parole e utilizzando il tedesco moderno con inserti tratti dal tedesco antico.
L’ironia è la chiave e la resa burlonesca e scabrosa degli argomenti è un lato vincente (e molto intelligente) dei Rammstein.
Peccato che, vista l’osticità della lingua, non venne recepita prima dell’avvento dei traduttori simultanei su Google e dell’internet in generale. Quello che fece breccia, però, era la componente tanz metal che infesterà le discoteche Gothic, EBM da lì a venire.
Se poi vogliamo essere proprio rompicoglioni, c’era gente che si vantava di capire il norvegese/svedese/finlandese quando non sapeva neanche mettere insieme due frasi di italiano in senso compiuto. Questo per dire che l’estremismo della lingua è un concetto molto relativo e che il tedesco, come qualsiasi altra lingua, ha la componente estrema che “fa specie”.

C’è un brano che ha lanciato Sehnsucht e quel pezzo è Engel. Senza questa canzone molti ascoltatori non si sarebbero neanche avvicinati al disco, cosa che invece non è accaduto perchè la componente gothic-pop-tanz-metal (con uso ed abuso delle etichette) del brano è soddisfacente e molto più fruibile di una canzone presa a caso dal precedente Herzeleid.
Sul fatto che Engel sia il miglior brano di Sehnsuch possiamo discuterne. Io non credo, ma forse sono vent’anni che sento questa canzone e ormai ho un’opinione fissa da troppo tempo.
Da qua in avanti i tedesconi hanno scalato il mainstream con dischi sempre più azzeccati (Mutter; Reise Reise; Rosenrot). Il dopo Rosenrot è meno soddisfacente, ma l’età brucia tutti e di questo ne parleremo più avanti.

[Zeus]

Annunci

10 pensieri su “Vent’anni dopo: Rammstein – Sehnsucht (1997)

  1. Pingback: Eliminare l’imbarazzo del mullet con i Rammstein. – The Murder Inn

    1. La cosa Rammstein = nazisti è una stronzata epocale, soprattutto perché hanno anche fatto una canzone in cui dicono che sono di sinistra.
      Nell’immaginario comune c’è questa bestialità: lingua teteska + altri particolari = nazi.
      Stronzata generale.

      Sottovalutati? Questo disco no di sicuro. engel aveva fatto il botto ed era trasmessa spesso… anche nelle discoteche metal/gotiche etc…
      Adesso sono delle superstar, non passano di certo inosservati (e te lo dico io che li ho visti due volte dal vivo).

      Piace a 1 persona

      1. I Rammstein sono uno dei primi gruppi che mi hanno aperto (minimamente eh, qui si parla di anni e anni fa, ascoltavo solo Marvin Gaye e i Beatles praticamente, massimo i Queen, toh) nuovi orizzonti in musica. Ho ascoltato Sonne e bum! non ci ho capito più nulla. Non so se ti è mai capitato, incassi il colpo, ascolti poco altro perché ti ha colpito ma non sai nemmeno perché. Poi ricordo Rosenrot. Vedi, ci ho messo un botto di tempo, credo di averle ascoltate entrambe nell’arco di un annetto, Sonne di sicuro molto dopo la sua uscita. Poi ho ascoltato altro, ma quelle due canzoni mi sono sempre rimaste dentro, per le sonorità e l’impressione che mi davano. Erano potenti, viscerali, quella voce… Ti rendi conto, non mi sono nemmeno andata a vedere cosa volessero dire i testi! lo so, non mi fa onore. Tornando a noi, ho sempre avuto la sfortuna di essere circondata da esseri retrogradi che vedevano nei Rammstein il demonio, il nazzzismo e tutto il resto. Mi sono sempre chiesta perché e lì è per quello che ti chiedo se siano stati sottovalutati… perché ho trovato solo gente che fondamentalmente non ci capiva una mazza. Che ti devo dì, sono stata molto sfortunata 😀 ma i Rammstein, per fortuna, me li posso e voglio ascoltare lo stesso

        Mi piace

      2. Parto dal fondo. Sai, io provengo da una provincia in cui la germanica lingua non è un problema ehehe (e qua, come si suol dire, svelo cose incredibili 😀 eheh). Quindi la questione Rammstein = nazisti non c’era. Poi c’erano gli italiani che sentivano il tono marziale e associavano la cosa all’uomo con i baffetti. Ma questa era solo ignoranza, non cattivi pensieri. Ignoranza brutta e che, fortunatamente, è passata con il tempo e la comprensione di molte cose.

        Bella Sonne, mi è sempre piaciuta. Io, come hai letto, ho sentito Sehnsucht come prima canzone (prima traccia del primo disco dei R+ che ho ascoltato) e mi ha colpito. Poi ecco Engel (anche se adesso la ascolto di meno, un tempo la sentivo moltissimo).

        Tranquilla, so cosa significa quel colpo 🙂 Lo so perché su questo colpo, su questo “bum” ci ho costruito su dei blog. E continuo a raccontare cosa è stato per me questo BUM. Annoiando le persone alla morte, ma tant’è ehehe.

        Mi piace

  2. Pingback: Covenant – Nexus Polaris (1998) – The Murder Inn

  3. Pingback: E alla fine venne anche il disco inutile dei Samael: Eternal (1999) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...