Delirium X Tremens – Troi

troi

Recensire questo disco è difficile.
Diciamolo subito, l’album è molto bello, sia nelle parti di puro Death metal che in quelle più sperimentali. Ma il problema è un altro. E’ che non riesco ad essere obbietivo.
Punto uno: ho avuto il piacere di conoscere i fioi, e mi stanno pure simpatici.
Punto due: quest’album è pregno di atmosfere
montanare, sia nel mood che nelle tematiche, ed io che da casa mia ho l’orizzonte libero solo a sud, le sento facilmente mie.
Per questo motivo, cerchiamo di fare un analisi il più sterile possibile: si tratta di un Death metal con molte contaminazioni e, come avrete capito, le contaminazioni sono di tipo “montanaro”, quindi cori alpini, strumenti rurali, rumore boschivi, interventi in dialetto bellunese e chi più ne ha più ne metta. Non tutte le canzoni sono contaminate: alcune sono puro Death metal, altre invece hanno leggera contaminazione e, infine, ci sono quelle che sono contaminazione pura.
Il risultato, beh a me piace, soprattutto le parti contaminate, anzi se devo essere sincero, la canzone col testo in italiano, Spettri nella steppa e col di lana (col suo coro alpino finale), sono di gran lunga le migliori ma, come spiegato prima, io non faccio testo.
Anzi, a quando un disco tutto in italiano?

[Skan]

Annunci