Clutch – Earth Rocker (2013)

Clutch - Earth Rocker.png

Noto che questa recensione manca e, sapendo che potrei essere maledetto per anni e anni da Bruno Slowtorch, mi metto all’opera e rimedio. Inizio con un’affermazione che non potrà essere smentita: Earth Rocker è un gran cazzo di disco. Una bomba. Questa è l’affermazione principale e non ci si scappa.
E sì che, quando stavo per mettermi all’ascolto, un qualche dubbio ce l’ho avuto. Motivo? A me Strange Cousins from the West del 2009 non è che mi sia piaciuto proprio moltissimo. Mea culpa, mea grandissima culpa ma se devo dire cazzate, cosa ci faccio su TMI?
Quindi l’approccio che è stato quello: ascolto, ma con cautela.
Parte Earth Rocker e mi sono ritrovato scaraventato mezzo metro indietro gridando: Porca Troia che figata. Il resto del disco non fa che confermare questa frase lapidaria.
L’ho detto altre volte, e lo ripeto anche questa, ci sono band e ci sono dischi che hanno la capacità di ampliare la loro potenza in specifiche circostanze: quelle della strada. Quando carichi alcuni CD e li metti alla prova dell’asfalto, capisci subito di che pasta sono fatti. Se reggono l’urto e tu a) canti b) fai headbanging c) schiacci l’acceleratore come se non ci fosse un domani d) fai tutte e tre le cose, allora sai che hai trovato un CD che non teme il passare del tempo. Perché Earth Rocker, pur tornando indietro, è un passo avanti per la discografia di Neil Fallon&Co. Fino al precedente, l’evoluzione in termine di sound e composizione generale vedeva nell’Hammond la marcia in più, l’asso nella manica, per tirar fuori un sound diverso, blues-y ma con l’attitudine hard rock tipica della band del Maryland. Sentitevi Robot Hive/Exodus o anche una traccia, che io adoro, come White Ferry da From Beale Street To Oblivion e capite cosa intendo. Su questo LP del 2013 la faccenda cambia, via l’Hammond, la formazione ritorna la classica a quattro e il songwriting diventa più rock, più straight-in-your-face. Un’attitudine diversa, sicuramente mutuata dall’andare in tour con colossi come i Motörhead – cosa che si sente nel procedere in maniera diretta e senza fronzoli di questo disco. Le jamming session, quelle bellissime parti in cui sentivi di essere trasportato dalla musica, vengono ridotte a favore di un’attitudine diversa, attitudine che poi continuerà anche nei dischi successivi (Psychic Warfare, ad esempio).
Da quando è uscito, Earth Rocker è diventato un metro di paragone per i successivi dischi della band. Notevole per un disco uscito nel 2013.

PS: ma ditemi la verità, a voi Crucial Velocity, quando parte, non vi fa superare ogni limite di velocità esistente? Perché, per me, è il tipico pezzo da accompagnare alla velocità smodata (cit.).

[Zeus]

Annunci

2 pensieri su “Clutch – Earth Rocker (2013)

  1. Pingback: Weaponized Funk! Clutch – Book Of Bad Decision (2018) – The Murder Inn

  2. Pingback: Quante volte dobbiamo ribadire la grandezza dei Clutch? The Elephant Rider (1998) – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...