L’esordio dei Nargaroth: Herbstleyd (1998)

La scena black metal potrebbe essere una delle più forti nell’industria della musica metal in quest’epoca. Sì, è assolutamente vero. La musica è ancora viva e vegeta, ci sono band che meritano tanto con i loro album. Tuttavia, molti di questi album non hanno l’essenza black metal. La rabbia e la misantropia che spinse Euronymous alla notorietà.
Ci mancano queste emozioni, no?
Terminiamo questa nostalgia e torniamo indietro nel tempo, nel 1998, quando una giovane band tedesca di nome Nargaroth pubblicò il loro debutto, Herbstleyd. Il debutto si sviluppa su 70 minuti circa di black metal tradizionale con pezzi in tedesco e inglese.
Questa è la base su cui si sviluppa il sound della band. Nonostante la loro crudezza, il riffing fluisce molto agevole, ed è la prova del grande sforzo compostivo di Kanwulf (Charoon si occupa invece delle parti soliste). Suonano molto bene con la batteria, che produce un drumming piuttosto standard ma ben eseguito.
La voce di Kanwulf è forte e, in alcuni momenti, mi ricorda quella di un lupo.
Herbstleyd, come potresti aver intuito, non è certo originale o innovativo. Come considerazione, potrebbe essere giusta, visto che questo LP non attraversa alcun confine creativo. Tuttavia, ciò che Herbstleyd manca nell’originalità è compensato dalla pura atmosfera che avvolge l’ascoltatore. La musica stessa sembra malinconica, triste e arrabbiata. La rabbia viene paragonata all’essenza del black metal.
Herbstleyd è un viaggio molto bello e mistico che va dall’atmosfera medievale ad alcuni dei migliori riffage black metal di sempre. Se vuoi delle prove, puoi ascoltare la canzone “Nargaroth“, che è la migliore canzone strumentale black metal che abbia mai ascoltato.
O puoi ascoltare tutto. Qualcosa di cui non ti pentirai.

Tracce:
1: Introduction – Herbstleyd – 16:02
2: Karmaggedon – 4:22
3: Nargaroth – 2:59
4: Das Alten Kriegers Seelenruh – 8:38
5: Amarok – Zorn des Lammes – 18:38
6: Das Schwarze Gëmalde – 8:40
7: Vom Traum, die Menschheit zu Töten – Outroduction – 10:13

[Countess Grishnackh]