Il fan service dei MayheM produce Daemon (2019)

Attualità passata: ascolto il nuovo disco dei MayheM e, francamente, non lo capisco.
Mi spiego meglio. Daemon dei MayheM è l’equivalente del fan service nelle serie televisive. C’è tutto quello che deve esserci, arriva a destinazione perché progettato in laboratorio per essere efficace, ma non ha nessuna anima. Non ha veemenza pur mettendoci potenza e black metal.
Il fatto è che non posso neanche volercela con loro, tanto sono fatti così. Acchiappano le mode, mutano forma e costumi, provando a restare MayheM, ma senza avere bene in mente cosa significa esserlo. I Mayhem sono diventati un mito astratto, mentre la realtà terrena è tutt’altra cosa e di tutt’altra pasta. Il mito paga le bollette, Attila e compagni mettono le tonache (come da dettami del black metal moderno), eseguono in toto De Mysteriis Dom Sathanas riportando la band sui radar e poi registrano l’album senza sugo Deamon. Il bassista rilascia dichiarazioni deliranti, la storia fatta con i SE – edizioni Necrobutcher, e intanto Teloch e Ghul scrivono il disco cercando di suonare come… beh, come dovrebbero suonare i MayheM nel 2019 o nel 1999 o nel 1994? Perché la band, non avendo forma definitiva (a parte, forse, la parentesi con Blasphemer), non è circoscrivibile ad un periodo definito. Daemon suona old, suona black metal e, nello stesso tempo, ha l’attitudine più nuova, quella post-rivoluzione copernicana, post-Euronymous.
Il nuovo disco è figlio della band, non ci sono dubbi. Non potete sentire questo LP senza pensare che è qualcosa prodotto dai MayheM. Lo si sente in mille passaggi e ti fa sentire al sicuro e tranquillo che il disco che hai acquistato ha un senso.
Ma quale?
Questa è la domanda su cui dovete soffermarvi, quale senso ha Daemon. Aggiunge qualcosa, toglie qualcosa, ha cuore, ha innovazione…? La risposta è, per tutte, no. Non aggiunge niente, è un prodotto della restaurazione, non della rivoluzione (di cui i Mayhem, per un periodo, erano portabandiera). Non è brutto, quindi lo puoi sentire senza fare gli scongiuri. Per il resto, è semplicemente un disco che lascia il tempo che trova.
Che non ti emoziona. Che non ti prende le viscere e te le rivolta.
Sarà che son passati troppi anni dal 1990, sarà che internet ha distrutto il velo di Maya e adesso non c’è più quella fanciullesca attesa del disco, ma io continuo ad emozionarmi quando sento Freezing Moon o rimango sempre, ed inevitabilmente, stupefatto, quando ascolto Grand Declaration of War. 
Ma anche, come ho detto nella recensione, un “semplice” EP come Wolf’s Lair Abyss supera di gran lunga le 10 tracce contenute in questo LP. 
Paragoni irriverenti, sia chiaro, perché è difficile valutare due epoche così differenti, ma se è su quell’epoca che la band attuale sta marciando, allora tanto vale svelare che il Re è Nudo e dietro Daemon c’è forma, ma non sostanza.
[Zeus]

4 pensieri su “Il fan service dei MayheM produce Daemon (2019)

  1. Embhè… altra costola che mi duole😅👎 Anche qui sono di parte👊😜 ovviamente non sarà il nuovo “de mysteriis…” o non sarà un “chimera2019”, ma devo dire che la malignità delle atmosfere di Wolf’s Lair Abyss e di Grand Declaration ci sta tutta😉👍(occhio che parlo delle atmosfere e della “cattiveria” non dell’estro e della produzione)Per il resto stiamo parlando sempre di cio’ che furono per il BM in passato e tornare col pensiero di adesso al tempo che fu è quasi un paradosso! Mi riservo ancora di ascoltarli qlc altro centinaio di volte, e poi magari dopo 2/3pinte di birra 😜🍺🍻ne torniamo a parlare sommo Zeus😜👊 che dici?

    "Mi piace"

    1. Ciao Chef.
      Grazie per il commento. Secondo me il disco è fatto alla perfezione, ha quello che serve, ma gli manca l’anima. Non sento dentro niente di malvagio, di veramente disturbato. Ok, stiamo sempre parlando di 50enni circa che suonano black metal e si sono sbragati il cervello di droghe e alcool… ma trovo che è un disco paraculo.
      Gli altri con Blasphemer, senza tornare indietro a DMDS, sono di altra (e superiore) qualità.

      Mi farai sapere cosa ne pensi post-birre e ascolti 😉

      Piace a 1 persona

  2. Pingback: Lo dice già il titolo: Tsjuder – Kill for Satan (2000) – The Murder Inn

  3. Pingback: Grand Declaration of War. I Mayhem nel 2000 – The Murder Inn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...