Amorphis – Am Universum (2001)

Ci sarà di certo gente che legge questo blog e ha incominciato ad ascoltare gli Amorphis negli ultimi anni, quindi vedendoli nell’attuale dimensione da classifica finlandese e nome abbastanza grosso nel roster della Nuclear Blast. Però non erano così, almeno fino al 2001 e cioè con l’uscita di Am Universum, l’ultimo disco in cui la band finnica smuove i confini della propria musica rischiando molto e alienandosi anche quella fascia di pubblico che, negli Amorphis, concepiva solo le pesantezze death metal. 
Am Universum è il momento centrale di un percorso evolutivo iniziato in maniera silenziosa con Elegy e che finirà male con lo spompato Far From The Sun. Am Universum è un parente lontano di Elegy, perché è nel 1996 che incominciano a trapelare elementi musicali diversi dal classico death metal ed è anche il momento in cui entra in  formazione Pasi Koskinen, singer che consente agli Amorphis di trasformare il proprio sound in quello che poi diventerà Tuonela e poi aprirà la porta alla fugace svolta hard rock della band. 
Ed è proprio nel biennio 1999 – 2001 che Esa Holopainen e soci si liberano delle catene compositive che caratterizzavano il metal estremo e vanno a pescare in maniera pesantissima nel rock anni ’70, nella psichedelia di marca Pink Floyd e in tutto quello che circonda questo settore del rock. Però dove Tuonela era ancora un disco in cui l’estremo si sentiva come fondamenta, in Am Universum il cambio di rotta è netto e inequivocabile. 
Quest’ultimo elimina un po’ della bruma crepuscolare che permeava il suo predecessore e si immerge a capofitto in un bacino di sonorità che spaziano dalle ritmiche rock e si bagnano anche in elementi funk (!) pur senza andare fuori registro e produrre qualcosa di totalmente estraneo al marchio Amorphis. Elemento fondamentale è il lavoro alle tastiere e organo di Santeri Kallio (The Night Is Over), che imprime il suo marchio di fabbrica su tutto Am Universum. E poi c’era il sassofono, strumento utilizzato pochissimo nel metal/rock, ma su Am Universum ha un ruolo così importante da ritagliarsi spazio su almeno la metà dei brani presenti, fra cui Alone, ancora oggi una delle mie canzoni preferite dei finnici. 
L’ultimo passaggio per una totale libertà è stato quello di affrancarsi dalle tematiche dedicate esclusivamente al Kalevala. Affidando la scrittura delle lyrics a Pasi, e lasciandoli carta bianca sulle linee vocali, gli Amorphis sanciscono di essersi spostati in territori rock. Questa svolta non durerà più di due dischi, visto che già con Tomi Joutsen i finnici ritorneranno a trattare delle leggende finlandesi e finendo poi per forgiare un sound personale sì, ma poco agile nelle sue, pur eccellenti, evoluzioni future. 
Per moltissimi anni ho definito Am Universum una sorta di fratello minore di Tuonela e solo negli ultimi anni ho cambiato idea, considerando questo LP come un prodotto a sé stante e con una qualità elevatissima, forse non tiene sulla distanza, nella seconda metà del disco ci sono alcuni episodi meno ispirati, ma nel complesso Am Universum è un disco di classe. 
Nel 2001 gli Amorphis avevano ancora il coraggio di avventurarsi fuori da un recinto sicuro e, ovviamente, pieno di soddisfazioni in termini economici e di classifica. Non riusciranno, e non vorranno più, spingere i propri limiti compositivi così avanti, giungendo in territori rock/hard rock, ed è anche questo il motivo per cui è importante soffermarsi su Am Universum e dedicargli il tempo necessario per apprezzarne tutti gli spunti che lo compongono. 
Per questioni puramente affettive, Tuonela rimarrà il mio disco preferito del periodo rock degli Amorphis, ma recuperare Am Universum è stato ben più che un mero esercizio di memoria, è stato riscoprire un disco incredibile.
[Zeus]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...